Italianoit

Kids

Digital Firenze e gli antichi Paesi Bassi 1430-1530 Vedi a schermo intero

Firenze e gli antichi Paesi Bassi 1430-1530

E-BOOK / PDF INTERATTIVO

 Dialoghi tra artisti. Da Jan van Eyck a Ghirlandaio, da Memling a Raffaello...

E-BOOK (pdf interattivo)

Maggiori dettagli

  • Curatore: Bert W. Meijer
  • Pagine: 272
  • Illustrazioni: 40 in b/n e 200 a colori
ISBN: 978888347730-0

€ 18.00

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno anche comprato ...

Dopo il grande successo nella versione cartacea (oggi ESAURITA), finalmente nella versione digitale il Catalogo della mostra tenutasi nel 2008 a Firenze, Palazzo Pitti, Galleria Palatina, 20 giugno 2008-26 ottobre 2008) 

Il volume si propone di offrire una panoramica delle opere olandesi presenti a Firenze nel periodo 1430-1530, attraverso una scelta mirata di capolavori dei grandi maestri da Jan van Eyck a Luca di Leida.
Grazie agli intensi rapporti commerciali ed artistici con gli antichi Paesi Bassi, e all’importanza delle scuole pittoriche di quelle regioni, nel Quattrocento è grande in Italia, e in particolare nella Firenze dei Medici, l’interesse per i dipinti fiamminghi.

Membri di importanti famiglie fiorentine come i Portinari, i Baroncelli, i Pagagnotti, i Tani, accreditati a Bruges come rappresentanti di imprese commerciali e bancarie quali il Banco dei Medici, agirono, nel campo artistico, come elementi di congiunzione tra il mercato locale e la richiesta dall’Italia, facendosi intermediari o acquirenti di opere destinate a dar lustro alle chiese, ai palazzi, alle ville fiorentine, o alle loro proprie abitazioni e cappelle a Firenze e al Nord.
Anche presso gli artisti, le innovazioni della pittura neerlandese suscitarono un interesse straordinario. 
La presenza a Firenze di capolavori di Jan van Eyck, Rogier van der Weyden, Hans Memling, nonché di vari altri maestri degli antichi Paesi Bassi, e in particolare l’opera più celebre e più monumentale, il Trittico Portinari di Hugo van der Goes arrivato nella chiesa di Sant’Egidio nel 1483, ebbe un impatto vigoroso e profondo nell’ambiente artistico locale. 
Dal Beato Angelico e da Filippo Lippi a Botticelli, Leonardo, Perugino e Ghirlandaio, da Lorenzo di Credi a Fra’ Bartolomeo, fino a Raffaello, Andrea del Sarto e Pontormo, la magica poesia della luce e dell’osservazione analitica dei paesaggi, degli interni e delle cose che conferiscono consistenza tattile ed emotiva ai personaggi e agli ambienti, entra con le più varie sfumature a far parte integrante del linguaggio figurativo del rinascimento fiorentino.

Per saperne di più...
www.firenzeeipaesibassi2008.it

Scrivi il tuo commento

I dati inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, fatto salvo il diritto della redazione di Sillabe di eliminare i commenti ingiuriosi, e a qualunque titolo offensivi nei confronti dell'autore e dell'opera, o stroncature immotivate. Inoltre verranno altresì cancellate tutte quelle recensioni che apparissero frutto di azioni di spamming o che in ogni caso arrecassero disturbo all'attività del sito e alla sua immagine editoriale. I commenti con link all’interno del testo, o scritte in carattere maiuscolo, non possono essere pubblicati. Non si possono rimuovere dal sito recensioni già pubblicate.
Firenze e gli antichi Paesi Bassi 1430-1530

Firenze e gli antichi Paesi Bassi 1430-1530

 Dialoghi tra artisti. Da Jan van Eyck a Ghirlandaio, da Memling a Raffaello...

E-BOOK (pdf interattivo)

Scrivi il tuo commento