Italianoit

Kids

Nelle antiche cucine Vedi a schermo intero

Nelle antiche cucine

CUCINE, DISPENSE, CUOCHI, MA ANCHE
OGGETTI D’USO, MANUFATTI E DOCUMENTI

Villa medicea di Poggio a Caiano (Po)
(4 luglio - 25 ottobre 2015)

Maggiori dettagli

  • Curatore: Maria Matilde Simari
  • Formato (cm): 21 x 25
  • Anno di pubblicazione: 2015
  • Pagine: 228
  • Illustrazioni: a colori
  • Rilegatura: cartonato
  • Copertina: a colori
  • Collana: Firenze Musei

€ 21.25

Prezzo ridotto!

-15%

€ 25.00

La cucina è il luogo della preparazione del cibo, ma anche della consumazione
di pasti semplici o più elaborati, ed infine è il luogo della vita domestica e
familiare, della convivialità degli strati sociali meno abbienti.
In questo volume sarà possibile ammirare - attraverso i più bei quadri del repertorio - le storiche cucine fiorentine,
gli utensili e gli oggetti d’uso, insieme all’organizzazione e alla
composizione degli staff delle cucine granducali e
anche ai tipi di cibo prediletto dai personaggi della famiglia medicea.

Con il Patrocinio di Expo Milano 2015

Dalla presentazione di Stefano Casciu

"Nel progettare e realizzare il Museo della Natura Morta nella Villa di Poggio a Caiano, inaugurato nel 2007, il suo allestimento nella grandiosa villa voluta da Lorenzo de’ Medici e una delle preferite dal Cinquecento in poi dai Granduchi Medici e Lorena, nonché dai Savoia per il breve periodo di Firenze capitale, è stato ritenuto sin dall’inizio un valore aggiunto. Gli spazi della villa non solo si prestavano perfettamente ad accogliere la numerosa raccolta di dipinti (sino ad allora conservati nei depositi e in origine spesso collocati proprio nelle ville) raffiguranti oggetti in posa ed elementi della natura e che erano stati collezionati soprattutto dai Medici a partire dalla fine del Cinquecento e per tutto il Sei-Settecento, ma offrivano anche un contesto perfetto per rievocare e amplificare l’eco di molti dei soggetti dipinti, legati all’illustrazione di fiori, piante e animali, alla caccia e, strettamente legate a quest’ultima, alle attività che si svolgevano quotidianamente nelle cucine e nelle dispense dei nobili palazzi e delle dimore di città e di campagna. Per tutti questi motivi l’iniziativa della mostra “Nelle antiche cucine”, promossa e realizzata da Maria Matilde Simari con grande impegno, profuso anche per superare le molte difficoltà organizzative che si sono via via presentate, si inserisce perfettamente in quel percorso di valorizzazione della villa e delle sue raccolte che procede da anni e che riscontra un vasto interesse da parte del pubblico. La mostra si configura in realtà come un ampio e articolato progetto di valorizzazione generale del monumento e delle sue collezioni museali. Si sviluppa infatti come percorso all’interno del Museo della Natura Morta, focalizzando molte opere già esposte nelle quali sono raffigurate scene di cucina, dispense o vari tipi di cibo, ed esponendo in aggiunta ad esse molti altri dipinti e oggetti legati al tema, ottenuti in prestito da altri musei e istituzioni culturali, che ringrazio per la generosità e la disponibilità. Motivo di particolare interesse e novità è però l’eccezionale riapertura, dopo un necessario riordino e in attesa di un restauro complessivo, delle antiche cucine segrete della villa, ambienti risalenti ai primi decenni del Seicento e ricchi di un fascino ancora intatto. Visitando questi spazi meravigliosi sarà possibile rievocare, almeno con la fantasia aiutata dalle immagini dei dipinti in mostra e dagli oggetti esposti, la frenetica attività quotidiana che si svolgeva al servizio della corte medicea sin dal tempo del granduca Cosimo II, quando l’edificio, noto come “Cucinone”, fu costruito secondo il progetto dell’architetto Gherardo Mechini. L’occasione di accedere a questo luogo è unica, ed è ulteriormente interessante e preziosa sapendo che anche a Palazzo Pitti, dall’inizio del mese di giugno, è aperto alle visite l’antico Cucinone restaurato e nuovamente allestito. Non solo quindi le fastose sale della reggia e delle ville, e le loro splendide collezioni d’arte, ma anche gli spazi della vita quotidiana, non meno affascinanti e ricchi di stimoli per la curiosità e per la conoscenza della storia di queste nobili dimore".

Scrivi il tuo commento

I dati inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, fatto salvo il diritto della redazione di Sillabe di eliminare i commenti ingiuriosi, e a qualunque titolo offensivi nei confronti dell'autore e dell'opera, o stroncature immotivate. Inoltre verranno altresì cancellate tutte quelle recensioni che apparissero frutto di azioni di spamming o che in ogni caso arrecassero disturbo all'attività del sito e alla sua immagine editoriale. I commenti con link all’interno del testo, o scritte in carattere maiuscolo, non possono essere pubblicati. Non si possono rimuovere dal sito recensioni già pubblicate.
Nelle antiche cucine

Nelle antiche cucine

CUCINE, DISPENSE, CUOCHI, MA ANCHE
OGGETTI D’USO, MANUFATTI E DOCUMENTI

Villa medicea di Poggio a Caiano (Po)
(4 luglio - 25 ottobre 2015)

Scrivi il tuo commento