Italianoit

Kids

New Antonio Bonazzi Vedi a schermo intero

Antonio Bonazzi

QUARTETTO IN LA MAGGIORE

edizione a cura di Gian Francesco Amoroso

Maggiori dettagli

  • Autore: Antonio Bonazzi
  • Testi di: Gian Francesco Amoroso e Famiglia Bellini Eredi Bonazzi
  • Progetto grafico: Laura Belforte
  • Anno di pubblicazione: 21 x 29,7
  • Pagine: 52 + le parti separate (vl I, vl II, vla e vlc)
  • Rilegatura: punti metallici
  • Copertina: a colori
  • Collana: sillabe musica
  • Redazione Giulia Perni

€ 15.30

Prezzo ridotto!

-15%

€ 18.00

Della produzione musicale di Antonio Bonazzi (Mantova 1754-1802) sono rimaste solamente sedici composizioni, attualmente conservate presso la biblioteca “Opera Pia Giuseppe Greggiati” di Ostiglia.

Tra le musiche sopravvissute di Bonazzi il quartetto d’archi qui pubblicato è la più interessante della sua estetica. Costituito da tre movimenti, Allegro con spiritoAdagio non tanto con molta espressioneRondò staccato, il quartetto rispecchia l’equilibrato gusto dell’epoca con una particolare predilezione alla cantabilità dei temi e al dialogo fra le parti.

Propaggine del ramo decaduto di un’antica famiglia trentina, Antonio Bonazzi, ne risollevò le sorti grazie alle sue doti musicali. Nacque a Mantova nel 1754 e si affermò come compositore, maestro concertatore e violinista. Morì a Mantova nel 1802 e fu sepolto nella cattedrale di San Lorenzo in Sant’Andrea. Sua moglie, Rosa de Mauri, era figlia dell’avvocato Carlo Antonio de Mauri – già podestà di Canneto sull’Oglio e quindi pretore a Rovereto – e della nob. Barbara Segàla dei conti di Kornfeld. Il loro figlio Luigi Maria sposò la nob. Adelaide Zaniboni di Gazzo, di storica famiglia cremonese ed il di lui figlio Luigi Luciano sposò la nob. Laura Capetti de Tarabini de Piro, di famiglia feudale comasca. Antonio Bonazzi è ricordato nei dizionari di storia del violino anche per la sua collezione di strumenti ad arco: 42 violini, 5 viole e 2 violoncelli di Stradivari, Guarnieri del Gesù, Amati e di altri buoni maestri, raccolta oggi inimmaginabile. Lasciò pure agli eredi una ampia serie di spartiti musicali di composizioni sue e di altri maestri, oggi sfortunatamente dispersi per la grande maggioranza.

Famiglia Bellini, Eredi Bonazzi

Scrivi il tuo commento

I dati inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, fatto salvo il diritto della redazione di Sillabe di eliminare i commenti ingiuriosi, e a qualunque titolo offensivi nei confronti dell'autore e dell'opera, o stroncature immotivate. Inoltre verranno altresì cancellate tutte quelle recensioni che apparissero frutto di azioni di spamming o che in ogni caso arrecassero disturbo all'attività del sito e alla sua immagine editoriale. I commenti con link all’interno del testo, o scritte in carattere maiuscolo, non possono essere pubblicati. Non si possono rimuovere dal sito recensioni già pubblicate.
Antonio Bonazzi

Antonio Bonazzi

edizione a cura di Gian Francesco Amoroso

Scrivi il tuo commento