Italianoit

Kids

La piccola città di Thornton Wilder Vedi a schermo intero

La piccola città di Thornton Wilder

Commedia in tre atti

Traduzione di Carlo Fruttero e Franco Lucentini

Introduzione di Will Eno

Maggiori dettagli

  • Autore: Thornton Wilder
  • Formato (cm): 12 x 16,5
  • Anno di pubblicazione: 2015
  • Pagine: 120
  • Rilegatura: filo refe
  • Collana: Arcadia & Ricono
  • Traduttore: Carlo Fruttero e Franco Lucentini
  • Lingue: italiano

€ 8.50

Prezzo ridotto!

-15%

€ 10.00

Aggiungi al carrello

s i l l a b e inaugura con questo titolo il nuovo settore TEATRO, che si affianca a quello tradizionale dell’arte.Non poteva iniziare in modo migliore. Quella che presentiamo oggi infatti è la traduzione di Fruttero & Lucentini della piéce teatrale Our Town di Thornton Wilder (1938), vincitrice del premio Pulitzer come miglior testo teatrale nello stesso anno.

Impreziosito dalla brillante introduzione di Will Eno questo volume inaugura la nuova serie della collana Arcadia & Ricono edita, promossa e distribuita da Sillabe.

Piccola Città è una commedia teatrale in tre atti, allestita e pubblicata nel 1938 e ambientata a Grover's Corner, una piccola città del New Hampshire. Un narratore e un direttore di scena siedono su un palcoscenico spoglio e raccontano l'azione. Attraverso flashback, dialoghi e monologhi gli altri personaggi si raccontano al pubblico. Il principale è George Gibbs, il figlio del dottore, e Emily Webb, figlia di un editore. Dopo anni di amicizia e di corteggiamento, i due finalmente si sposano. La loro è un’esistenza del tutto ordinaria, come quella dei concittadini. La semplicità e la ripetitività delle loro vite è raccontata nei primi due atti, in cui sembra che a Grover’s Corners non accada niente, se non alternarsi di colazioni, interrogazioni a scuola, discussioni su freddo e pioggia con i passanti, prove di canto in chiesa. Ma Piccola Città non è la semplice storia di un paesino della provincia americana. È una riflessione sulla morte e sulla quodifianità, un piccolo capolavoro sul valore della quotidianità. Wilder  invita ad apprezzare la vita nelle piccole cose, nei gesti ripetuti, nelle situazioni più consuete e prevedibili, nei momenti più ordinari. Invita insomma a non sprecare il tempo che ci è dato. L'opera è diventata un pilastro della drammaturgia americana, un classico inserito nella programmazione scolastica.

 “La piccola città non vuole essere il quadro della vita in una comunità del New Hampshire, né un’ipotesi sulle condizioni di esistenza dopo la morte (quello è semplicemente un elemento che ho preso dal Purgatorio di Dante).

È il tentativo di trovare un valore supremo per tutti i piccoli eventi della nostra vita quotidiana. Le parole che ricorrono continuamente in questa commedia sono “centinaia”, “migliaia”, “milioni”.
Le gioie e i dolori di Emily, le sue lezioni di algebra e i suoi regali di compleanno,
che valore ha tutto questo quando consideriamo i milioni di ragazze che hanno
vissuto, che vivono e che vivranno?
Ogni aspirazione individuale a una realtà assoluta può solo essere interiore [...]”. Thorton Wilder.

Thornton Wilder (Madison17 aprile 1897 – Hamden7 dicembre 1975) è stato uno scrittore statunitense. È stato vincitore di tre premi Pulitzer: uno per il romanzo Il ponte di San Luis Rey e due per le commedie Piccola città e The Skin of Our Teeth; inoltre ottenne il National Book Award per il romanzo The Eighth Day.

Fruttero & Lucentini Il binomio Fruttero & Lucentini, spesso abbreviato in F&L, indica il sodalizio artistico, detto anche "La Ditta", fra gli scrittori Carlo Fruttero (1926-2012) e Franco Lucentini (19202002). I due hanno firmato collaborazioni giornalistiche, traduzioni e romanzi, soprattutto gialli, molto amati dal pubblico.Sempre in coppia si sono occupati anche di fantascienza, dirigendo la collana Urania (Mondadori) per più di un ventennio (1961-1986) e raccogliendo diversi volumi di antologie.Hanno scritto la sceneggiatura dello sceneggiato La pietra di Luna (1972), regia di Anton Giulio Majano (adattamento da The Moonstone di Wilkie Collins), alcuni episodi di Processi a porte aperte (1968) di Lidia C. Ripandelli e appaiono nel documentario Il gioco del giallo (1980) di Corrado Farina.

Will Eno (1965) è un drammaturgo americano. Il suo testo teatrale, Thom Pain (basato sul niente) è stato finalista al Premio Pulitzer nel 2005, ed è stato interpretato in Italia da Elio Germano. I Realistici signori Jones è stato prodotto a Broadway nel 2014, dove ha vinto un Drama Desk Award come Miglior Opera Teatrale, oltre a ricevere il premio come Miglior Opera dal Guardian e dal USA Today. The Open House è stato presentato a New York al Signature Theatre dove ha vinto un Obie Award, il Lortel Award, il Drama Desk Special Award, ed è stato inserito nella lista dei migliori testi teatrali del 2014 dal TIME e da TIME OUT NEWYORK.

Scrivi il tuo commento

I dati inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, fatto salvo il diritto della redazione di Sillabe di eliminare i commenti ingiuriosi, e a qualunque titolo offensivi nei confronti dell'autore e dell'opera, o stroncature immotivate. Inoltre verranno altresì cancellate tutte quelle recensioni che apparissero frutto di azioni di spamming o che in ogni caso arrecassero disturbo all'attività del sito e alla sua immagine editoriale. I commenti con link all’interno del testo, o scritte in carattere maiuscolo, non possono essere pubblicati. Non si possono rimuovere dal sito recensioni già pubblicate.
La piccola città di Thornton Wilder

La piccola città di Thornton Wilder

Traduzione di Carlo Fruttero e Franco Lucentini

Introduzione di Will Eno

Scrivi il tuo commento