Italianoit

Kids

Mazurka con 100 variazioni per violino e pianoforte Vedi a schermo intero

Mazurka con 100 variazioni per violino e pianoforte

Giacomo Bignami

trascrizione ed edizione a cura di  / transcription and edition by Pietro Zappalà

Maggiori dettagli

  • Autore: Giacomo Bignami
  • Curatore: Pietro Zappalà
  • Formato (cm): 21x29,7
  • Anno di pubblicazione: 2016
  • Pagine: 80 + 1/4 per parte pianoforte
  • Rilegatura: due punti metallici
  • Collana: repertori Associazione Lipizer, 6
  • Direttore responsabile Lorenzo Qualli
  • Traduttore Catherine Burnett
  • Lingua italiano / inglese
  • Redazione Giulia Perni

€ 16.91

Prezzo ridotto!

-15%

€ 19.90

La composizione della Mazurka qui pubblicata risale alla prima metà del 1858, quindi proprio a ridosso  del periodo trascorso da Giacomo Bignami (1810-1888) in area veneta quale insegnante di strumenti ad arco (ma apparentemente anche a fiato).

La dimensione didattica è fortemente presente in questa opera che si può senz’altro definire come una summa della tecnica violinistica: il tema iniziale di mazurka, in sé abbastanza modesto e certo non memorabile, viene sottoposto a cento variazioni la cui esecuzione richiede al violinista il completo dominio tanto della mano sinistra quanto della mano destra. Al pari di una raccolta di studi o – ancor più – di capricci, queste variazioni esigono che il musicista sappia padroneggiare intricate diteggiature, passaggi di estrema agilità, combinazioni di suoni armonici naturali e artificiali, semplici e doppi; al tempo stesso l’esecutore deve saper possedere una perfetta padronanza dell’arco, chiamato a numerose forme di espressività, dai lunghi legati agli staccati rapidissimi, dalle serrate successioni di accordi alla protratta condotta polifonica e ad ogni possibile invenzione che vivifichi con nuove attenzioni il tema iniziale.

Questa composizione, tuttavia, assolve anche ad un altro compito didattico: essa introduce nel musicista il gusto e la capacità di eseguire le più diverse variazioni melodico-ritmiche a partire da un materiale tematico assai semplice, sviluppando così in lui la facoltà di applicare siffatte competenze anche ad altri spunti melodici.

La Mazurka si configura così anche come una palestra della variazione, una scuola preparatoria essenziale per giungere alla capacità di variare semplici temi musicali o di concepire, anche estemporaneamente, una cadenza di bravura per un concerto.

Pietro Zappalà è docente di materie musicologiche presso il Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali dell’Università di Pavia (sede di Cremona). Ha studiato musicisti del Sette- e Ottocento italiano e tedesco, come Locatelli, Boccherini, Al. Rolla, Mendelssohn Bartholdy, Bottesini, Ponchielli, riscoprendo e pubblicando documenti biografici e partiture inedite.

Scrivi il tuo commento

I dati inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, fatto salvo il diritto della redazione di Sillabe di eliminare i commenti ingiuriosi, e a qualunque titolo offensivi nei confronti dell'autore e dell'opera, o stroncature immotivate. Inoltre verranno altresì cancellate tutte quelle recensioni che apparissero frutto di azioni di spamming o che in ogni caso arrecassero disturbo all'attività del sito e alla sua immagine editoriale. I commenti con link all’interno del testo, o scritte in carattere maiuscolo, non possono essere pubblicati. Non si possono rimuovere dal sito recensioni già pubblicate.
Mazurka con 100 variazioni per violino e pianoforte

Mazurka con 100 variazioni per violino e pianoforte

trascrizione ed edizione a cura di  / transcription and edition by Pietro Zappalà

Scrivi il tuo commento