Italianoit

Kids

Adolfo Coppedè agli esordi dell’Elba contemporanea Vedi a schermo intero

Adolfo Coppedè agli esordi dell’Elba contemporanea

L’isola di Napoleone non è altro che l’isola di un mito, un personaggio in fondo evanescente anche se ben ancorato nella memoria locale e nella pubblicistica internazionale. Ma l’Elba era conosciuta fin dai tempi più antichi per l’importanza delle sue miniere e dei suoi minerali.

Maggiori dettagli

  • Curatore: L. Brancaccio, M. Ferretti
  • Formato (cm): 20 x 20
  • Anno di pubblicazione: 2011
  • Pagine: 72
  • Illustrazioni: 100 foto in b/n e a colori

€ 11.90

Prezzo ridotto!

-15%

€ 14.00

L’isola di Napoleone non è altro che l’isola di un mito, un personaggio in fondo evanescente anche se ben ancorato nella memoria locale e nella pubblicistica internazionale. Ma l’Elba era conosciuta fin dai tempi più antichi per l’importanza delle sue miniere e dei suoi minerali. Di fatto, la storia dell’isola si rinnova e si fa contemporaneità a partire dal 1897 quando si pensa allo sfruttamento delle miniere di ferro sotto l’esigenza di potenziare l’industria mineraria e siderurgica nell’Italia alle porte del nuovo secolo. Con questa mostra si intende proporre è quello di un risveglio promosso da agenti esterni che innescherà un momento irripetibile nella storia dell’Elba, una trasformazione profonda sotto il profilo economico e culturale, ricca di energie intellettuali, che qui si intende seguire negli aspetti più significativi e mai raccolta in una presentazione organica di immagini e testimonianze.Il tema della mostra muove dalla presenza sull’Isola d’Elba di Adolfo Coppedè agli esordi del XX secolo. Il suo arrivo non è casuale e si deve all’invito rivoltogli da Pilade Del Buono, uno dei principali promotori dello sviluppo delle miniere dell’isola e della nascita a Portoferraio dello stabilimento delle fonderie. In pochi anni, dal 1900 al 1905, Adolfo, giovanissimo e alle sue prime armi, sviluppa brillantemente una serie di temi progettuali commissionati dallo stesso Del Buono e da altri esponenti di primo piano del nascente sistema industriale, Ubaldo Tonietti e Max Bondi, incidentalmente tutti, nel giro di pochi anni, successivi proprietari della villa napoleonica di S. Martino.La figura di Adolfo Coppedè, oltre che con documenti originali, viene dunque messa a fuoco attraverso due serie di immagini a confronto, un esauriente repertorio di riprese attuali, con i dettagli più significativi, si pensi ad esempio alla ricchezza di motivi architettonici e scultorei che contraddistingue la Cappella Tonietti a Cavo, e un secondo di fotografie d’archivio e dunque coeve, che possono ben descrivere fino nei particolari monumenti oggi perduti o gravemente compromessi, come il Palazzo dei Merli o il Palazzo degli Uffici d’amministrazione della Società Elba.

Per il pubblico degli appassionati di storia locale; gli esperti di storia dell’arte e dell’architettura, e in particolare per gli amanti di fotografie d’epoca.

Scrivi il tuo commento

I dati inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, fatto salvo il diritto della redazione di Sillabe di eliminare i commenti ingiuriosi, e a qualunque titolo offensivi nei confronti dell'autore e dell'opera, o stroncature immotivate. Inoltre verranno altresì cancellate tutte quelle recensioni che apparissero frutto di azioni di spamming o che in ogni caso arrecassero disturbo all'attività del sito e alla sua immagine editoriale. I commenti con link all’interno del testo, o scritte in carattere maiuscolo, non possono essere pubblicati. Non si possono rimuovere dal sito recensioni già pubblicate.
Adolfo Coppedè agli esordi dell’Elba contemporanea

Adolfo Coppedè agli esordi dell’Elba contemporanea

L’isola di Napoleone non è altro che l’isola di un mito, un personaggio in fondo evanescente anche se ben ancorato nella memoria locale e nella pubblicistica internazionale. Ma l’Elba era conosciuta fin dai tempi più antichi per l’importanza delle sue miniere e dei suoi minerali.

Scrivi il tuo commento