• -15%

Foody come natura vuole - musica


Questo spartito raccoglie le canzoni presenti nell'opera musicale Foody come natura vuole che si rivolge ai ragazzi e parla attraverso la poesia, l’ironia, il gioco e la musica del rapporto con il cibo. 

12,00 €
10,20 € Risparmia 15%
Lingua
Quantità

L’opera Foody come natura vuole prevede 15 personaggi interpretati da bambini o ragazzi: Arancia, Banana, Basilico, Carota, Cipolla, Fico, Limone, Mais, Mela, Melograno, Noce, Patata, Pera, Pomodoro, Riso. A questi ruoli sono affiancati due personaggi adulti: il Cuoco, un baritono o tenore, e la Pittrice, un soprano, che possono essere cantati anche da voci giovanili. Le parti solistiche dei personaggi principali sono brevi e semplici, dando così la possibilità a più ragazzi di partecipare all’opera. Ogni personaggio ha la sua canzone formata da strofe e ritornello, interpretata dal solista nelle strofe e dal coro nei ritornelli. Ma si può cantare la canzone anche interamente da solista, strofe e ritornello, tutto insieme. Ogni canzone è diversa da tutte le altre così che ciascun personaggio ha il suo ritmo, la sua melodia. L’opera diventa quindi un grande minestrone di cose buone, perché la musica ha il potere di mischiare con fantasia tutte le emozioni che proviamo. Troviamo così canzoni allegre e ritmiche come Arancia, Carota, Pera, Mela e la canzone finale Come natura vuole, poi si trova di tutto: un omaggio in Cipolla alle canzoni della mala milanese, la canzone melodica in Basilico e Limone, il tango argentino di Gardel in Mais, la canzone anni ’40 in Melograno, il cullante ritmo di una berceuse in Fico, il divertente rap di Noce, l’omaggio implicito in Riso alla musica cinese pentatonica (e come si poteva non fare?), la canzone jazz in Banana sino alla ciaccona seicentesca di scuola napoletana in Pomodoro. Le arie dei personaggi adulti sono invece omaggi alla tradizione operistica: l’aria del Cuoco disperato è una piccola scena lirica che termina in un duetto melodico, l’aria della Pittrice è formata da un recitativo e una dolce canzone, il duetto d’amore finale omaggia Monteverdi e il finale della Poppea. Naturalmente gli ingredienti potrebbero essere di più e manca forse qualche sapore appetitoso, ma ogni cuoco ha il suo segreto e il mio ve l’ho suggerito. 

Auguro a tutti buona musica, ma soprattutto buon canto!

Andrea Basevi

978888347823-9

Scheda tecnica

Formato (cm):
21x29,7
Anno di pubblicazione:
2015
Pagine:
72
Rilegatura:
punti metallici
Redazione e aggiornamento bibliografico:
Giulia Perni
Copertina:
a colori
Collana:
Ascoltando s'impara
Lingue:
italiano
Autore:
Roberto Piumini, Andrea Basevi

Riferimenti Specifici

ALTRI HANNO VISTO ANCHE...